We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

Download Safari
Download Safari
Download Chrome
Download Chrome
Download Firefox
Download Firefox
Download IE 10+
Download IE 10+

Museo virtuale della valle del Tevere

Museo Etrusco di Villa Giulia – Roma, Società Geografica Italiana presso Palazzetto Mattei, Villa Celimontana – Roma. Applicazione spettacolare multi-angle in realtà virtuale nell’ambito del progetto Museo Virtuale della Valle del Tevere in collaborazione con CNR ITABC.

Responsabile CNR: Eva Pietroni (CNR-ITABC).

Il Museo Virtuale della valle del Tevere è un progetto interdisciplinare in cui scienza tecnologia ed arte convergono nella creazione di un’opera comunicativa che ricorre anche alle sperimentazione di linguaggi nuovi che segnano il superamento dei tradizionali paradigmi della realtà virtuale per contaminarli con tecniche derivate dal cinema o dai videogiochi.

Il Tevere viene narrato da vari punti di vista: il contesto geo-morfologico, l’ecosistema, la vegetazione e l’insediamento territoriale nei secoli; la mitologia legata al fiume, la ritualità e l’iconografia; il paesaggio archeologico, letterario e naturalistico. L’applicazione consente ai visitatore di esplorare quattro scenari, talvolta visionari e talvolta più realistici, inserenti i diversi aspetti della valle del Tevere e legati alla storia e alla memoria del fiume. In essi egli può incontrare personaggi, interagire con immagini e suoni e vivere un’esperienza multisensoriale. Tutto usando le gestualità del corpo per interagire e dialogare con il mondo virtuale: camminare, nuotare come un pesce o volare come un uccello.

subacqueo

Il progetto Museo Virtuale della Valle del Tevere è stato finanziato da Arcus e si avvale della collaborazione istituzionale della Direzione Regionale MiBAC per i Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio e della Soprintendenza all’Etruria Meridionale. Prevede la creazione di un sistema integrato di conoscenza, valorizzazione e comunicazione del paesaggio culturale della Valle del Tevere (contesti archeologici, storici-artistici, naturalistici, antropici), in dettaglio nell’area strategica della Sabina (in particolare nel tratto compreso dal Monte Soratte sino a Fiano Romano, e dalla via Flaminia fino a Palombara Sabina).

In questa occasione è stata avviata una collaborazione con Franz Fischnaller, uno degli artisti di maggior spicco riconosciuti a livello internazionale nell’ambito della visualizzazione elettronica, dell’arte, dei media digitali, dell'”interactive design”.

L’applicazione è ospitata dal Museo Etrusco di Villa Giulia.